22 Rue du Faubourg Saint-Honoré


22 RUE DU FAUBOURG SAINT HONORÉ


22 rue du Faubourg Saint Honoré Lanvin

PANORAMICA

La Boutique storica della Maison LANVIN, che dal 1889 ha sede all’angolo tra il 16 di Rue Boissy d’Anglas e il 22 di Rue du Faubourg Saint-Honoré, riapre le porte nel settembre 2021 dopo diversi mesi di lavori.

Prolungamento del dialogo tra passato e presente, in un contrasto tra la modernità conferita dal Direttore Artistico della Maison, Bruno Sialelli, e il patrimonio storico di Jeanne Lanvin, la boutique è stata ristrutturata con un’ispirazione “chic essenziale” dall’interior designer belga Axel Velvoordt, in uno stile wabi di tradizione giapponese che potremmo riassumere con: semplicità essenziale, ritorno alla natura e uso di materiali rari, ad esempio lo stucco marmorino monocromo su pareti, soffitto e scale, e la pietra di Borgogna minerale sul pavimento.


Faubourg Lanvin
Faubourg Lanvin
Faubourg Lanvin
Faubourg Lanvin

LA BOUTIQUE

Composta dalle linee morbide tanto amate da Jeanne Lanvin, tra archi e volte la boutique riprende gli elementi di acqua, terra e aria. Il candore del soffitto e le pareti arrotondate riequilibrano la profusione delle forme. Diversi elemento sono stati ripresi in modo esattamente identico, come lo specchio a trittico Printz (che si trova nell’ufficio di Jeanne Lanvin dal 1930), la margherita stilizzata in guisa di gancio da parete, la basi dei portanti e il pavimento in pietra che richiama il rivestimento originale.



L’ASCENSORE

L’ascensore è stato riabilitato riproducendolo in modo praticamente identico all’originale: in lacca nera, con pannelli di legno scolpito arricchito da foglie d’oro sulle pareti, simili agli originali, e con spirali della griglia dorate, riprodotte fedelmente grazie a un disegno originale di Armand Albert Rateau.


Faubourg Lanvin

L’AFFRESCO

Un affresco scolpito ispirato alla sala da bagno della stilista e realizzato da Armand Albert Rateau, che rappresenta una fauna e una flora immaginarie e lussureggianti. Nelle creazioni di Jeanne Lanvin, il tema degli uccelli è particolarmente presente, mentre le impronte di margherita sono un altro elemento che costituisce l’identità grafica di Lanvin, in riferimento alla figlia Marguerite.



LA VIC ROOM

Questa stanza curvilinea trae ispirazione dalla sala da bagno della Duchessa d’Alba – Palazzo di Liria, a Madrid, con un pavimento grafico in bianco e nero, rappresentativo di Lanvin Décoration, e con paraventi che sfoggiano il medesimo lussureggiante fiore nonché un bestiario del tutto simile. Un elemento, però, è del tutto unico: il bassotto.